Distinzione degli hard disk - Tecnofeeling

Vai ai contenuti

Menu principale:

Distinzione degli hard disk

Computer
L'hard disk è uno dei componenti di un computer spesse volte trascurato. Invece, è importante conoscerne, anche sinteticamente, com'è fatto e le varie tipologie, utili per le proprie esigenze.

Un hard disk "tradizionale", meglio noto come HDD è quello installato nella maggior parte dei computer (con grandezze di 2,5" o 3,5") che vi consente di immagazzinare i vostri dati. E' quindi un componente importante. Perciò, vediamo le varie tipologie:

Tra gli HDD "tradizionali", ne distinguiamo essenzialmente due:

  • Tecnologia IDE: una delle più vecchie che sfrutta, come connettore tra l'HDD stesso e la scheda madre un cavo PATA, abbastanza ingombrante, con velocità molto limitata;
       Hard disk IDE                                                                                                                  Cavo PATA
  • Tecnologia SATA: una delle più recenti che sfrutta un cavo rosso come connettore in grado di trasferire fino a 768 MB/s teorici (SATA III).

Hard disk SATA
Ma com'è formato "internamente" un hard disk tradizionale? 

Si tratta, in breve, di uno o più piatti rotanti che girano a velocità notevole (di solito 7200 giri al minuto negli hard disk da 3,5", 5400 giri al minuto negli hard disk da 2,5"), con una puntina che legge e scrive magnetizzando la superficie. All'interno dell'hard disk, vedreste come una sorta di un piccolo giradischi, con la differenza che è  più delicato e preciso. Uno dei fattori che influisce sulla velocità e sulle prestazioni in generale dell'hard disk, l'avrete forse intuito, è la velocità di rotazione dei piatti, ( ovvero quella dei giri a minuto) eppure non è l'unico aspetto importante, ve ne sono molti altri. Per fare un esempio su tutti, conta molto non solo la velocità di trasferimento, ma anche la velocità di accesso, ovvero la velocità di lettura di individuare un file all'interno di esso stesso. Distinguiamo quindi la velocità di lettura (ricerca di un file) e quella di scrittura (trasferimento file).

Quindi, un HDD da 120 GB può essere anche più veloce di uno da 1 TB. In conclusione, quando comprate un hard disk, fate attenzione ai dettagli tecnici, ovvero alla tipologia SATA (I, II o III) e ai giri al minuto.

Riposrto una tabella, presa da Wikipedia con i dati numerici precisi:


Versione  Prestazioni teoriche   Prestazioni effettive

SATA 1.0          1,5 Gbps (192 MB/s)           1,2 Gbit/s (150 MB/s)
SATA 2.0          3 Gbps (384 MB/s)            2,4 Gbit/s (300 MB/s)
SATA 3.0          6 Gbps (768 MB/s)            4,8 Gbit/s (600 MB/s)


Senza dilungarci troppo, trattiamo brevemente ora un'altra tipologia di hard disk che sta prendendo piede. Eh già si tratta proprio degli SSD, ovvero degli hard disk diversi da quelli tradizionali. Vediamo subito di che cosa si tratta.

SSD

Gli HDD sono "meccanici", ovvero sfruttano le testine per trasferire o ricercare un file. Per descrivere meglio un SSD, invece, pensate a una pen drive usb. Bene, il meccanismo è del tutto simile: gli SSD sono detti "allo stato solido" perché non hanno parti in movimento, ma è tutto "elettronico" , senza l'ausilio di testine e altre parti meccaniche.

Il lettore potrebbe allora chiedersi: "A che cosa mi serve l'SSD ?" Avere un SSD signfifica avere un computer che si avvia molto più velocemente, capace di trasferire grandi quantità di dati molto celermente ed avvicinarsi a quei valori teorici dei connettori SATA. Bisogna valutare bene, perchè purtroppo l'SSD presenta uno svantaggio, il costo che attualmente è ancora elevato, all'incirca di cinquanta centesimi a giga!

Quindi, gli HDD con interfaccia SATA hanno delle buone prestazioni, ma putroppo le prestazioni degli HDD si allontanano di molto da quelle teoriche e soltanto gli SSD si avvicinano a quelle indicate. Riassiumiamo:


HDD

  • TECNOLOGIA IMPIEGATA: (Meccanica) Piatti di metallo con rivestimento magnetico dove vengono memorizzati i dati da una testina che fa lettura e scrittura;
  • COSTO: basso;
  • VELOCITA' (Massima): dipende dall'hard disk (768 MB/s).
  • SURRISCALDAMENTO: Si, è importante che il computer sia dotato di buone ventole che consentito il trasferimento all'esterno dell'aria calda. 

SSD

  • TECNOLOGIA IMPIEGATA: (Elettronica) Hard Disk di nuova generazione, simili all pen drive, che scrivono su delle memorie flash e non su un disco vero e proprio;
  • COSTO: alto;
  • VELOCITA' (Massima): elevata, si avvicina ai massimi teorici consentiti dalle interfacce SATA;
  • RISCHIO PERDITA DI DATI: bassa;
  • SURRISCALDAMENTO: Difficilmente si surriscaldano, con un consumo energetico bassissimo.



                                                                                                                                                    (ultimo aggiornamento il 31/08/2015)


 
Torna ai contenuti | Torna al menu